La metafisica di Maurizio Gabbana Dalle finestre del Salotto, uno sguardo oltre gli schemi .

Ieri sera al Salotto di Milano è andata in scena l’arte visiva di Maurizio Gabbana.

Una serie di scatti che proiettano monumenti, scenari e persone al di là della barriera del normale, al di là di ciò che l’occhio ci abitua schematicamente a vedere. Foto che sono quasi percorsi cognitivi paralleli, perché mostrano i diversi piani del reale. Come le immagini di donna frammentate ad arte e inserite quasi magicamente in una composizione visiva che mischia frammenti di arredo, luce, volti, in un insieme alchemico. Nessuna post-produzione, tutto è frutto di una conoscenza tecnica pilotata dall’estro creativo. Maurizio Gabbana ci guida alla grandezza dell’umano che scaturisce dalla capacità di fotografarlo come individuo, come creatore di opere, attraverso le città in cui vive. Naturalmente, protagonista della mostra era Milano, insieme a New York. Gli scatti con protagonista il Femminile sono l’anticipazione di un progetto sulla donna che Maurizio Gabbana ha in serbo e che presenterà il prossimo maggio.

Stay tuned!

Per un pubblico raffinato ed elegante.

presso il Salotto di Milano