Il potere (e l’ilarità) della satira al femminile Syndrome al Salotto di Milano

Cento donne “mondiali” in tutti i sensi. Cento penne caustiche,  irriverenti, capaci di vedere il mondo al di là degli stereotipi che vogliono la donna calata nei soliti luoghi comuni. 

Syndrome, così si chiama il gruppo iconoclasta letterario satirico creato da Vanna Greggio nel 2017 e ormai assurto a fenomeno mondiale, ha tenuto una lezione di bellezza pungente ieri sera al salotto di Milano di via della Spiga 2. Storie quotidiane, alcune divertenti, altre drammatiche, filtrate dall’occhio lucido e impietoso della satira. 

Fra loro, un’attivista iraniana capace di ironizzare sui lunghi giorni, sui mesi passati in carcere per aver cercato di far valere il diritto a esistere e pensare liberamente. E poi meravigliose storie che gettano luce, ogni volta, sulla prigione degli archetipi che chiude la donna in una gabbia di banalità, dal sesso alla cronaca, dalla famiglia alla professione. Il gruppo ha avuto tale successo da far nascere uno spin off a Seattle, creando una rete dalle maglie inossidabili. Il Salotto di Milano ha raccolto la voce di Syndrome per portarla ben oltre le sue mura. “Da quando esiste il pianeta sono passati su suo suolo oltre decine di  miliardi di esseri umani. La metà erano donne. Eppure pensando a letterate, scienziate, poetesse, quante ne ricordiamo? Meno di mille” ha detto Vanna Greggio “ma da oggi si può ripartire con un registro nuovo”. Riflettiamo…ridendoci sopra. 

Per un pubblico raffinato ed elegante.

presso il Salotto di Milano